Amare e soffrire, amaro è soffrire!

Mi rendo conto ogni giorno di più che sto diventando cinica e disillusa.
Credo non sia colpa mia e apprezzerei che almeno non mi si prendesse in giro.
Invece, purtroppo, mi tocca leggere questo passaggio dall’Adunanza del 7/2/2005 del Consiglio di Stato (parere 11995/04) in relazione al Codice dell’amministrazione digitale:
“Uno strumento, quello del codice, che [..] può contribuire non soltanto alla erogazione di servizi più efficienti e veloci, ma anche a consentire forme innovative di partecipazione alla vita amministrativa e politica. Che può avvicinare i destinatari dell’innovazione (i cittadini, le imprese, la società civile) ai suoi protagonisti (gli amministratori, i funzionari e gli impiegati pubblici), nella nuova “amministrazione digitale”, attraverso un intervento più tradizionale e di chiara leggibilità come è un codice, ossia una raccolta organica di disposizioni legislative” .
Ecco.

3 pensieri su “Amare e soffrire, amaro è soffrire!

I commenti sono chiusi.